“Questa è una sentenza politica” cit.

Ieri la Corte Costituzionale ha accolto il ricorso del Presidente della Repubblica sulle intercettazioni tra Giorgio Napolitano e Nicola Mancino. Come ho già spiegato in precedenza, il ricorso di Napolitano era giustificato dall’imprecisione con cui la legge tratta la questione delle intercettazioni “indirette” al capo dello Stato. Lo stesso Ingroia, come ho citato nel post citato, ha sempre definito legittimo il gesto di Napolitano.

Al di là delle opinioni personali [i giudici della Corte Costituzionale e i tanti costituzionalisti intervenuti sulla questione ne sanno sicuramente più di me e Travaglio], vorrei sottolineare l’aspetto ridicolo della vicenda riassumibile nelle dichiarazioni imbarazzanti dell’ex-pm di Palermo: “questa è una sentenza politica”.

Sì, avete capito bene. Il presunto uomo delle istituzioni usa parole simili a quelle utilizzate da Silvio Berlusconi per criticare la bocciatura, da parte della Consulta, del Lodo Alfano. Parole che il sultano di Hard-core, come lo chiama Travaglio, ha ripetuto in più occasioni: ad esempio, durante la campagna elettorale per il sindaco di Latina nel 2011. I due ex-nemici sembrano decisamente d’accordo: se la Corte Costituzionale pone dei limiti ai loro attacchi alle istituzioni democratiche del paese, allora significa che è un organo di parte.

Ingroia e Berlusconi sono la degenerazione della separazione dei poteri nel nostro paese. Vogliono un potere assoluto e senza limiti e sono pronti a tutto pur di difendere questa aberrazione. La Consulta, in quanto garante del rispetto della Costituzione e della separazione dei poteri, e dei limiti di questi poteri sanciti dalla Costituzione stessa, diventa quindi un nemico.

La questione diventa ancora più ridicola se consideriamo le dichiarazioni di qualche mese fa del procuratore capo di Palermo Messineo: “Le intercettazioni che coinvolgono il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, sono irrilevanti e vanno distrutte“. Si cerca di delegittimare due organi di garanzia della nostra democrazia, Presidenza della Repubblica e Corte Costituzionale, sulla base della fuffa.

Annunci

Informazioni su ilsensocritico

La migliore qualità dell'uomo è il dubbio. Discutiamo insieme dei problemi della politica italiana
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a “Questa è una sentenza politica” cit.

  1. Pingback: Ingroia si candida? | Il senso critico

  2. Pingback: Gli errori di Rivoluzione Civile. Che fine farà? | Il senso critico

Commentate senza insultare

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...